head base
Fiano di Avellino

Fiano di Avellino

Disponibilità 100
Prezzo 16,00 € (pezzi per confezione 6)
Aggiungi al carrello   Aggiungi al carrello

ico pdfScarica la scheda prodotto

 "Un vino secco e fruttato di grande raffinatezza, con un aroma e un sapore eccezionalmente armonico caratterizzato da profumi di nocciole tostate."

Gusto

Il Fiano di Avellino è probabilmente il più raffinato vino bianco del Sud Italia. Ciò è principalmente dovuto al perfetto equilibrio tra sapori e profumi. Il Fiano di Avellino è un vino bianco molto intenso leggermente più fruttato rispetto al Greco di Tufo.
Il colore è di un eccezionale e luminoso giallo dorato, il suo profumo delicato di frutti tropicali e fiori, con aggiunta di sentori di nocciole e mandorle tostate. Il gusto è pieno, morbido, fresco e pulito, con acidità vivace e una leggera nota di noci tostate e di mandorla amara nel retrogusto. Aromi spesso presenti sono pera, ananas, acacia, miele e fiori.

Terroir

La zona di produzione attuale di Fiano di Avellino si estende su 26 comuni in provincia di Avellino e comprende la zona storica di Lapio, dove, secondo la tradizione, i Greci piantarono questo vitigno per la prima volta. E’ da queste zone che le nostre uve provengono.
Il terreno di questi vigneti è argilloso, calcareo, con presenza di  sedimenti vulcanici che aggiungono complessità e carattere al nostro vino. Il Fiano di Avellino è di casa qui, in un ambiente che rappresenta la combinazione ottimale per composizione del suolo e clima.

Processo di vinificazione

La raccolta viene effettuata a mano, entro la prima metà di ottobre. Le uve vengono poi messe in vasca per 12 ore ad una temperatura di 10˚C, e successivamente lentamente pressate. Questa fase è seguita da una fermentazione di 15 giorni a una temperatura di 18˚C. Il vino viene imbottigliato nella primavera successiva alla vendemmia. Dopo l'imbottigliamento, il vino matura 3-4 mesi in bottiglia prima di uscire sul mercato.

L'uva, la storia e la denominazione

Fiano di Avellino prende il suo nome dal vitigno autoctono Fiano, che in tempi più antichi era chiamato 'Latino', al fine di distinguerlo dall’altra varietà varietà importate, il Greco. Dal 2003, Fiano di Avellino ha raggiunto lo status di DOCG. Fino a tempi relativamente recenti questo vino non era economicamente molto apprezzato per il basso rendimento, ma la riscoperta di gusti, autenticità e varietà delle uve ha aumentato il suo valore e popolarità.

Il vino DOCG deve essere composto da almeno l’ 85% di uve di Fiano, che possono essere integrate da Greco, Coda di Volpa bianca o Trebbiano Toscano. Il nostro Fiano è puro al 100%.

Abbinamenti

Il gusto pieno con sentori di nocciole si sposa bene con piatti di pesce ricco, frutti di mare, carni bianche e pollame, con diversi tipi di insalate e formaggi freschi. La temperatura ottimale di servizio è di 8˚C - 10˚C. Questo vino bianco esprime le sue migliori qualità a partire da un anno dalla vendemmia ma in bottiglia è un vino piuttosto longevo grazie alla sua struttura ed acidità. Molto adatto anche come aperitivo.

La nostra filosofia

Diamo un grande valore alle tradizioni e alla terra, per questo abbiamo scelto di utilizzare solo varietà autoctone. Si va dal Ravece e dal Marinese, per l'Aglianico, il Greco e l'uva Fiano, così come la nostra passata di pomodoro. utilizziamo 'pomodorini di collina' che sono cresciuti sin dai tempi antichi in questi luoghi. Crediamo che questi prodotti offrano autenticità e tradizione ai nostri clienti, ma anche che le varietà locali, spesso portate qui dagli antichi greci, siano le più resistenti al clima del luogo e quindi le più sostenibili da un punto di vista ecologico.